Ultimo miglio: la sfida della mobilità elettrica per compiere i brevi tragitti
Ultimo miglio: la sfida della mobilità elettrica urbana per compiere i brevi tragitti

Ultimo miglio: la sfida della mobilità elettrica urbana per compiere i brevi tragitti

Come cambia la mobilità urbana con i veicoli elettrici

Il concetto di ultimo miglio, in inglese last mile, nasce nel campo delle telecomunicazioni e si riferisce alla tratta di cavo che connette le centrali telefoniche agli utenti finali. In realtà, l’espressione “ultimo miglio” è ampiamente utilizzata nell’ambito della mobilità urbana: infatti, con il termine last mile fa riferimento all’ultimo tratto da percorrere per raggiungere la destinazione finale.

In mobilità, il last mile corrisponde al tratto di strada che attraversa il centro della città dove si trovano uffici, negozi di vario genere e aree pedonali urbane, ossia quelle zone interdette alla circolazione dei veicoli a motore. Inoltre, l’ultimo miglio costituisce anche il pezzo finale della strada che separa la stazione ferroviaria o quella metropolitana dalla propria abitazione.

Nelle grandi città raggiungere il luogo di lavoro, o al contrario riuscire a tornare a casa dopo una lunga giornata in ufficio, può risultare difficile, soprattutto negli orari di punta a causa del traffico congestionato.

Per questo, la vera sfida di oggi è sviluppare e implementare soluzioni che permettano alle persone di muoversi velocemente in città anche sulle brevi distanze, con l’obiettivo di rendere gli spostamenti più efficienti e veloci, migliorando la mobilità urbana e quindi la vita dei cittadini.

Inoltre, non va dimenticato che il settore dei trasporti ha un impatto significativo sull’ambiente e adottare nuove soluzioni sostenibili significa combattere l’inquinamento atmosferico e migliorare la qualità dell’aria in città.

Nella corsa verso una mobilità più sostenibile, i mezzi di trasporto elettrici giocano un ruolo importante e sono la soluzione pratica e vantaggiosa per percorrere l’ultimo miglio in tutta sicurezza.

 

Ultimo miglio: quali sono i mezzi di trasporto elettrici tra cui scegliere

Versatili e facili da utilizzare, i mezzi di trasporto elettrici stanno cambiando il volto della mobilità urbana e rappresentano la migliore soluzione per risolvere le criticità legate alla percorrenza dell’ultimo miglio.

In Italia, secondo l’ultimo Rapporto Nazionale sulla Sharing Mobility, il primo posto sul podio della mobilità dell’ultimo miglio spetta a Milano che conta 14 servizi di micromobilità in sharing, seguita da Roma con 11 e da Torino con 7.

L’ampia gamma di dispositivi elettrici permette all’utente di scegliere il mezzo di trasporto più adatto alle proprie esigenze per muoversi facilmente in città e percorrere brevi tragitti. Le principali soluzioni per affrontare l’ultimo miglio e ridurre il tempo degli spostamenti sono:

  • Car sharing elettrico
  • Bike sharing
  • Scooter sharing
  • Micro-mezzi elettrici quali monopattini, hoverboard e segway

 

Ultimo miglio: i vantaggi del car sharing elettrico E-Vai

E-Vai, primo car sharing elettrico della Lombardia, unisce sharing economy e mobilità sostenibile grazie alla flotta composta esclusivamente da auto elettriche o ibride. Leggere, poco rumorose e semplici da guidare, le auto elettriche di E-Vai sono un mezzo comodo e sostenibile per percorrere l’ultimo miglio in città o per viaggiare da una provincia all’altra della Lombardia.

L’obiettivo primario di E-Vai è migliorare la mobilità a livello regionale creando una rete di trasporti connessa, efficiente ed eco-friendly. Infatti, E-Vai è presente in tutta la Lombardia con oltre 140 E-Vai Point tra centro città, aree extra-urbane, aeroporti e snodi ferroviari principali.

E-Vai è l’unico car sharing perfettamente integrato con il sistema ferroviario regionale: grazie alla presenza strategica degli E-Vai Point in prossimità degli snodi ferroviari della Lombardia è possibile viaggiare sinergicamente utilizzando in modo alternato auto elettrica e trasporto ferroviario.

Inoltre, grazie alle emissioni nocive ridotte al minimo, le auto elettriche ed ibride della flotta di E-Vai possono circolare liberamente all’interno di Zone a Traffico Limitato e Area C ed è possibile parcheggiarle all’interno di spazi delimitati da linee blu e gialle.

E-Vai non è solo sostenibile e innovativo, ma anche economico e sicuro. Infatti, per garantire sicurezza ai propri clienti in questo particolare momento, E-Vai ha pensato ad una nuova promozione sulla tariffa giornaliera: con la nuova tariffa 24YOU si potrà viaggiare in sicurezza a bordo di un’auto sanificata prima di ogni utilizzo a soli 24€ al giorno + 0,24€/km.

Come usufruire della promozione? Basterà iscriversi al servizio, registrandosi sul sito ufficiale o scaricando l’App di E-Vai. La tariffa 24YOU scatta automaticamente per i noleggi superiori alle 12 ore e i costi di drop off sono inclusi.

Vuoi provare l’auto elettrica di E-Vai e viaggiare in sicurezza in Lombardia? Non perdere la nuova tariffa 24YOU: registrati al servizio, l’iscrizione è gratuita!